L'esercito dei Lumia

Le belle foto storte e fatte male
Esulo dal politico e dal calcistico per un post in stile splinder di qualche anno fa, ormai.

Qualche anno fa sono passato da un iPhone 4S ad un Lumia (marchiato ancora Nokia) 735. L'impatto con Windows 8 fu a tratti devastante: applicazioni mancanti, programmi che andavano in crash molto più spesso del pur inadeguato iPhone 4S la cui batteria necessitava una carica ogni due ore e mezza.

Insomma, lì per lì pensavo di aver fatto una cavolata, ponderata poco e male. Il 735, in ogni caso, ho imparato ad apprezzarlo poco a poco, principalmente per due fattori: le mappe offline e la durata della batteria, due cose di cui l'iPhone era deficitario, sebbene se il 735 e il 4S fossero messi a confronto il Nokia ne sarebbe uscito decisamente con le ossa rotte.
Succede, però, che inizio ad affezionarmi ai Lumia, alla veste grafica in total black e a delle piccole risorse, benché molto nascoste, di questi dispositivi: dopo la dipartita, un po' precoce del 735, acquisto un Microsoft Lumia 650. Non regge molti aggiornamenti di Windows10 Mobile e allora, anche lui dopo un anno e mezzo devo, in un certo qual modo, rottamarlo definitivamente.

Mi capita fra le mani un Lumia 950: stabile e dalla batteria ottima e lo eleggo come telefono definitivo, nonostante le voci (e la triste realtà) dell'abbandono dei Lumia da parte di Microsoft.
Il divorzio fra Nokia e Microsoft ha portato alla nascita di 4 dispositivi (550, 650, 950/950XL) marchiati dall'azienda di Redmond i quali, tuttavia, non hanno futuro dato che dalle parti della Microsoft non hanno la benché minima intenzione di aggiornare le applicazioni più usate dai (pochissimi) utenti rimasti nel mondo Lumia. La disattivazione del canale YouTube che forniva supporto video per gli utenti è solo la punta dell'iceberg della miriade di app/cose-che-non-vanno
E allora, Lumia fino alla morte. Anche quando da Microsoft lo dichiareranno abbandonato o annunceranno la fatidica fine del supporto o cose così. 

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento